dal Blog de LaMercantiSubscribe Now

Grande progresso tecnologico nel riciclaggio di plastica per arredamenti ufficio

arredamenti ufficio

arredamenti ufficio

La francese Carbios ha inventato una tecnologia che potrebbe rendere più ecologica e meno cara tutta la plastica, compresa quella per arredamenti ufficio.

Dei 25 milioni di tonnellate di rifiuti in plastica prodotti ogni anno in Europa, solo il 25 % viene riciclato, secondo la Commissione europea. Per porre fine a questo caos, il gioiello francese della chimica verde Carbios conferma di aver già individuato i primi catalizzatori biologici che hanno il potenziale di degradare i dieci tipi di plasticapiù utilizzati nel mondo, come i polimeri di polietilene tereftalato (PET) per bottiglie. “Questo è il fondamento dei nostri sviluppi futuri e fornisce la base per lo sviluppo dei nostri bioprocessi industriali”, afferma Jean – Claude Lumaret, CEO Carbios.” Abbiamo dimostrato che possiamo fare la plastica che si autodistrugge e possiamo essere fiduciosi, perché la rivoluzione ecologica che abbiamo promesso in questo settore è partita.”

Questo ci permetterà di entrare in fase pre-industriale per migliorare il riciclaggio dei rifiuti di plastica, polimeri biodegradabili per creare la domanda e sviluppare biopolimeri competitivi, secondo i piani di Jean – Claude Lumaret. Avremo due anni per andare alla fase industriale.”Per ora, Carbios gode di brevetto esclusivo mondiale detenuto da Valagro e CNRS, due dei suoi partner in questo progetto, che proteggono i risultati e confermano la sua capacità di integrare gli enzimi in plastica e controllare la loro velocità degradazione.

Quali sono le conseguenze di questo progresso tecnologico nel riciclaggio di plastica per arredamenti ufficio? C’è da scommettere che la plastica diventerà più economico, perché sarà più facile da riciclare. Pertanto, i designer di mobili per ufficio potranno beneficiare in misura crescente e con meno spesa di questo materiale flessibile e malleabile, ideale per dare forma concrete alla loro creatività.

Speak Your Mind

*